Cerimonia di chiusura del progetto “IDEE” a sostegno dell’imprenditoria giovanile in Niger

Il 26 giugno si è svolta la cerimonia di chiusura del progetto "IDEE - Iniziative per lo sviluppo delle imprese" cofinanziato dall'Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS) e realizzato dall'OIM Niger.

All'evento, che si è svolto a Niamey, hanno partecipato il Governatore della Regione di Niamey, Assane Karante, il Capo Missione dell'OIM in Niger, Barbara Rijks, il Segretario Generale del Ministero dell'Imprenditoria Giovanile, Abdoulkadri Hama, i partner, i beneficiari e il Rappresentante dell'AICS di Ouagadougou Lorenzo Bianco, che è intervenuto a nome dell'Ambasciatore d’Italia in Niger Marco Principe.

"Questo progetto - ha sottolineato l'Ambasciatore - ha aumentato le opportunità di lavoro per i giovani nigerini nelle regioni di Niamey, Tahoua e Zinder attraverso il rafforzamento delle loro capacità tecniche e il sostegno alle imprese locali e ha sensibilizzato la popolazione target sull'occupazione locale e sulla creazione di attività imprenditoriali come alternativa all'immigrazione irregolare. Si tratta, quindi, di un progetto in linea con le politiche governative di sostegno all'imprenditoria giovanile per combattere la disoccupazione e rivitalizzare l'economia nigerina attraverso imprese innovative e sostenibili volte a sviluppare i settori di crescita dell'economia locale.” L'Ambasciatore ha infine espresso le sue congratulazioni ai 9 migliori imprenditori del progetto “IDEE” che hanno ricevuto un premio per il successo della loro attività imprenditoriale.

Il progetto "IDEE", avviato nel 2017, è stato implementato nelle capitali delle tre regioni di Niamey, Tahoua e Zinder, rivolgendosi a due gruppi principali di imprenditori: i giovani imprenditori nigerini che avevano già avviato la loro attività e i giovani laureati nigerini con idee progettuali.

Nella sua prima fase, "IDEE", attraverso il comitato di selezione che comprendeva tutti i partner del progetto, ha selezionato 36 imprenditori. Questi imprenditori sono stati poi accompagnati nello sviluppo delle loro attività secondo un programma di incubazione ben definito, che prevedeva un supporto tecnico continuo, una formazione tecnica agli imprenditori o ai loro dipendenti, un supporto nell’acquisto delle attrezzature e nel microcredito, la partecipazione a fiere nazionali e/o internazionali e delle giornate di networking.

Nella seconda fase, l'Ong Terre Solidali ha lanciato una campagna di raccolta di idee imprenditoriali di giovani laureati, che si è conclusa con la raccolta di 917 idee imprenditoriali. Di queste, sono state selezionate un totale di 775 idee imprenditoriali per passare poi ad una fase di selezione sulla base di idee fattibili e sostenibili, a seguito della quale sono stati selezionati 599 giovani che hanno partecipato a un corso di formazione in gestione aziendale e redazione di business plan. Sono stati così finalizzati 383 business plan, 50 dei quali sono stati selezionati per partecipare ad una prima fase di pre-incubazione presso il CIPMEN per un periodo di 3 mesi, con l'obiettivo di testare l'impegno dei beneficiari nel progetto. Al termine di questa formazione, 39 giovani sono stati selezionati per accedere al supporto integrato del progetto "IDEE".

La terza fase è consistita nel sostenere le aziende e quindi gli imprenditori già attivi con una forte capacità di creare posti di lavoro. Questo terzo gruppo è stato selezionato per dare ad altri imprenditori l'opportunità di accedere al supporto integrato del progetto "IDEE", dal momento che alcuni beneficiari avevano nel frattempo abbandonato il prorgramma. Questo gruppo ha integrato direttamente il programma di incubazione da dicembre 2019 ad aprile 2020 e conta 21 beneficiari.

Complessivamente, 104 ragazzi nigerini, di cui 22 ragazze, sono stati, a vario titolo, beneficiari del progetto "IDEE", grazie al quale hanno potuto, tra le altre cose, partecipare ed esporre i loro prodotti al SIAO (Burkina Faso), I4Dev (Niamey), 5° edizione della UEMOA Banking and SME Fair (Costa d’Avorio), al SAFEM (Niamey), alla fiera del lavoro (Tahoua), alla fiera del Sahel (Niamey) al SANEF (Niamey) oltre a 4 giorni di networking del progetto IDEE.

In conclusione, questo progetto, frutto dell'ottima collaborazione tra Niger e Italia, come ha sottolineato l'Ambasciatore Prencipe, "è stato in grado di fornire una risposta flessibile e rapida alle numerose sfide da affrontare in termini di occupazione giovanile, attraverso la creazione di opportunità di lavoro per i giovani e di reali opportunità economiche per le popolazioni locali".

Posted in Non categorizzato.