Media e Voci della Migrazione in Africa Occidentale e Centrale

 

Niamey, 06-08 settembre 2022

Tra il 6 e l’8 settembre 2022 si è tenuta, al Palazzo dei Congressi di Niamey, la Conferenza Regionale Media e Voci della Migrazione in Africa Occidentale e Centrale organizzata dal Ministero della Comunicazione e delle Relazioni Istituzionali del Niger e l’Ufficio Regionale di Dakar dell’UNESCO. La conferenza segna la chiusura del progetto “Autonomizzare i giovani in Africa attraverso i media e la comunicazione”, finanziato da AICS attraverso il Fondo Africa del 2016 del MAECI e implementato da UNESCO. L’azione si inserisce in uno dei principali assi di intervento della Cooperazione italiana nel Sahel, la creazione di opportunità economiche e di alternative al cammino della migrazione irregolare.

Nell’arco dei tre giorni, la Conferenza ha portato insieme i rappresentanti diplomatici ed i principali professionisti e esperti degli ecosistemi mediatici degli otto paesi di intervento del progetto - Camerun, Costa d’Avorio, Ghana, Guinea, Mali, Niger, Nigeria e Senegal – fornendo una formidabile piattaforma per lo scambio di idee, esperienze e best practices. Scopo della Conferenza: garantire l’accesso ad un’informazione completa e di qualità sulla migrazione e promuovere i percorsi di migrazione regolare ed il rispetto dei diritti e della dignità delle persone migranti. Nello specifico, la Conferenza ha permesso di intavolare una serie di dibattiti sulle modalità, priorità e raccomandazioni per lo sviluppo di narrative diversificate, inclusive, non stereotipate e “autoctone” sul tema della migrazione, sulla lotta alla disinformazione, e sulle sfide affrontate dai media in tutta la regione.

Come è emerso dai dibatti, troppo spesso purtroppo le storie di migrazione si limitano a focalizzarsi sulle tragedie, sull’illegalità, sulla vittimizzazione, o peggio sulla demonizzazione del migrante, finendo per disumanizzare la figura e la storia umana dietro a ogni percorso migratorio. La migrazione rimane però un fenomeno complesso e sfaccettato, ricco di sfide e difficoltà, ma anche di successi e speranze. Solamente assicurando una copertura informata, completa, sfaccettata e non stereotipata del fenomeno i media possono garantire la diffusione di un’informazione di qualità sulla migrazione – un’informazione che possa permettere ad ogni individuo di intraprendere una scelta ben ponderata ogni volta che il cammino della migrazione si presenta come opzione.

Durante il primo giorno della Conferenza, AICS ha partecipato e contribuito, insieme al Ministro della Comunicazione e delle Relazioni Istituzionali del Niger SE Mahamadou Laoualy DAN DANO, alla Direzione Regionale di UNESCO e agli Ambasciatori degli otto paesi di intervento di progetto, all’approvazione della Dichiarazione di Niamey - documento che sancisce l’impegno di tutti gli stakeholder presenti nel sostenere lo sviluppo di un ecosistema favorevole allo sviluppo di un approccio giornalistico al tema della migrazione con i caratteri sopra citati.

Nel corso della Conferenza, si sono tenuti una serie di dibattiti tematici, in sessione plenaria ed in gruppo, che hanno portato alla stesura di un piano di azione e di una lista di raccomandazioni che sarà condivisa e adottata a livello regionale.

 

L’Ospedale Pediatrico “Gianna Gaslini” in missione in Burkina Faso

Ouagadougou, 28 giugno - 02 luglio 2022

 

Tra il 28 giugno e il 2 luglio 2022, AICS Ouagadougou ha accolto una delegazione in visita in Burkina Faso dell’Ospedale Pediatrico Istituto Giannina Gaslini di Genova, eccellenza italiana nell’ambito della pediatria e delle specialità pediatriche: il dott. Ubaldo Rosati, responsabile della cooperazione internazionale per la Direzione dell’Istituto, e il dott. Luca Ramenghi, direttore del reparto neonatologia e del dipartimento materno-infantile.

Attraverso diverse visite alle strutture operanti nel paese, e incontri con esperti e rappresentanti delle organizzazioni internazionali attive nei settori della salute e della nutrizione, la missione ha permesso di tracciare un panorama dello stato dei servizi medici e pediatrici a disposizione della popolazione e dei bisogni che sussistono nel Paese ed in particolare nella capitale Ouagadougou, con la prospettiva di identificare eventuali percorsi e modalità per una partecipazione attiva da parte della struttura genovese in Burkina Faso.

Durante una operosa settimana, si sono susseguiti visite di grande importanza all’Ospedale pediatrico Charles de Gaulle, all’Ospedale San Camillo di Ouagadougou, al Centro Ospedaliero Universitario di Bogodogo, al Laboratorio CERBA, al Centro d’Accoglienza Notre Dame de Fatima (CANDAF) ed alla rappresentanza dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) in Burkina Faso. Di particolare importanza l’incontro con il Ministro della Salute e dell’Igiene Pubblica, SEM Dr Robert Lucien Jean-Claude KARGOUGOU; lo scambio con lo staff e la rappresentanza dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) in Burkina Faso; e la riunione con le OSC italiane attive nel settore della salute.

Il Capo Missione Andrea Romussi e il Direttore Regionale di AICS Ouagadougou, Domenico Bruzzone, si sono detti soddisfatti dell’andamento della missione, che ha permesso di toccare con mano la realtà concreta delle infrastrutture e dei servizi pediatrici attivi nel paese, e verificare le opportunità di collaborazione con l'Istituto Gaslini.  In linea con la strategia nazionale di AICS per il Burkina Faso, la Cooperazione italiana è pronta a sostenere percorsi di partecipazione di strutture d’eccellenza italiana al settore salute e lotta alla malnutrizione e della pediatria perinatale nel quadro del proprio partenariato tradizionale, e nel quadro di nuove formule con istanze di eccellenza in Italia.

Visita ai centri di accoglienza UNHCR in Niger

Niamey e Maradi, 7-10 giugno 2022

Nell’ambito degli interventi di assistenza umanitaria sostenuti da AICS Ouagadougou a beneficio delle popolazioni colpite dal contesto di insicurezza regionale in Niger, una missione è stata organizzata per visitare i centri di accoglienza gestiti da UNHCR Niger grazie, in parte, al finanziamento della Cooperazione italiana. La missione si è svolta nell’arco di 4 giorni, tra il 7 ed il 10 giugno, nelle regioni di Niamey e Maradi, toccando il centro di rifugiati di Hamdallaye ed i “villaggi d’opportunità” (VO) a Garin Kaka, Dan Dadji Makaou e Chadakori, con la partecipazione di Riccardo Capocchini, Coordinatore Programmi Umanitari AICS, Veronica Marcon, Assistente AICS per i programmi umanitari, ed una delegazione di UNHCR, di cui faceva parte anche Kahilo Jose Katunda, Vice-Rappresentante. La missione ha permesso di seguire lo stato di avanzamento dei progetti implementati da UNHCR in Niger su finanziamento italiano, in particolare “Emergency protection and basic needs response intervention for Nigerian refugees in Maradi, Niger – AID 12058”, “Protection response for refugees and host populations in the Maradi region – AID 12306” e “Protection response for refugees, internally displaced persons and host communities in Central Sahel (Niger) – AID 12361”.

 

Durante il primo giorno, la delegazione ha visitato il centro di rifugiati d’Hamdallaye che attualmente ospita 467 rifugiati di provenienza etiope, eritrea e sudanese, evacuati dalla Libia attraverso il meccanismo di transito d’emergenza (MTE) o trasferiti dal centro di rifugiati di Agadez. I servizi e le attività offerti nel campo includono sostegno psicologico, formazione professionale e corsi di lingua. Il campo è equipaggiato con un campo sportivo, centri di animazione, aule studio, un centro di salute, un centro di formazione e un parco giochi per l’infanzia. 80 abitazioni in muratura sono state recentemente costruite per ospitare i rifugiati che attualmente vivono nelle Refugees Housing Units (RHU).

 

In seguito alla visita a Niamey, la missione si è spostata a Maradi. Dopo una calorosa accoglienza da parte delle autorità locali, l’équipe ha visitato i “villaggi d’opportunità” (VO) realizzati da UNHCR, situati ad una distanza sicura (almeno 50km) dal confine, in prossimità alle comunità pronte ad accogliere i rifugiati. Al momento, 3.972 famiglie di rifugiati sono ospitate nelle VO (7.919 persone nel villaggio di Chadakori, 5.434 a Dan Dadji Makaou e 4.360 a Garin Kaka). Il contributo dello stato italiano ha permesso di migliorare le strutture di salute, consentendo la costruzione e l’equipaggiamento di un centro di salute integrato (CSI) di tipo II in ogni VO. Grazie ai fondi stanziati dall’Italia, oltre 81.000 persone nelle comunità di intervento hanno potuto accedere ai servizi sanitari di base tra il 2020 e il 2021, tanto i rifugiati (54%) che le comunità ospitanti (46%). L’azione finanziata da AICS interviene anche nell’accesso all’educazione per i minori rifugiati, concretizzatosi nella realizzazione di 6 aule a Dan Dadji Makaou, e nell’accesso ad alloggi sicuri per i rifugiati, che dispongono oggi di 266 casette in muratura.

 

Durante le visite, la delegazione di AICS ha avuto l’opportunità di incontrare le comunità di rifugiati nigeriani che hanno beneficiato del sostegno della Cooperazione italiano. Le donne hanno condiviso le loro esperienze e richieste in merito al raggiungimento di una maggiore autonomia economica e al miglioramento dell’accesso ai servizi di salute. Gli uomini hanno esposto le loro preoccupazioni in merito alla mancanza di terre disponibili per l’agricoltura, principale fattore limitante per l’autonomizzazione dei rifugiati. Ciò nonostante, due fattori hanno facilitato l’integrazione tra le comunità di rifugiati e ospitanti: il ruolo dei capi di circoscrizione e la collaborazione con le autorità religiose delle due comunità.

Al termine delle visite di terreno, sono state organizzate due riunioni di debriefing con i partner per identificare le principali sfide nell’esecuzione dei progetti: le condizioni di sicurezza, la coordinazione con la fitta rete di attori coinvolti, l’accesso alla terra per i rifugiati, gli ostacoli culturali alla raccolta di informazioni sulle violenze di genere e sulla protezione dell’ambiente.

Ringraziando UNHCR ed i partner locali per l’organizzazione della visite e il lavoro svolto, il coordinatore dei programmi umanitari di AICS ha espresso pieno apprezzamento per le buone pratiche osservate, soprattutto il buon livello di integrazione tra le comunità, l’impegno dello stato nella presa in carico dei salari di parte del personale e la buona coordinazione tra i partner coinvolti nell’esecuzione delle attività, reiterando la necessità di sostenere un impegno continuo a beneficio dei rifugiati nella regione.

Foto:  UNHCR Niger

 

 

 

 

Forum Nazionale sui Media e sulla Migrazione in Niger

Niamey, 14-15 giugno 2022

Martedì 14 e mercoledì 15 giugno 2022, una delegazione di AICS Ouagadougou ha partecipato al Forum Nazionale sui Media e la Migrazione in Niger, organizzato dal Ministero della Comunicazione e delle Relazioni Istituzionali e da UNESCO, nell’ambito del progetto “Autonomizzare i Giovani in Africa attraverso i media e la comunicazione”, finanziato da AICS.

Il forum ha mobilitato i principali esperti e professionisti dell’ecosistema mediatico nigerino per avviare una riflessione sui mezzi e modalità per sviluppare un sistema di narrative diversificate e non stereotipate sulla migrazione nella regione. Come il Ministro della Comunicazione Mahamadou Lawaly Dan Dano ha osservato durante la cerimonia d’apertura del forum, i media ed i diversi canali di comunicazione, tra cui i social media, giocano un ruolo fondamentale nella decisione di ciascun individuo e ciascuna famiglia ad intraprendere il cammino della migrazione. Purtroppo, la rappresentazione del fenomeno migratorio nei media nigerini e regionali, come molti hanno sottolineato, è spesso influenzata e deformata da una serie di narrative, come l’eccessiva vittimizzazione, semplificazione o drammatizzazione delle storie di migranti o l’insistenza su una sola rotta di transito – quella diretta verso le sponde del Mediterraneo – risultante della tendenza a perpetrare delle narrative create all’esterno della regione che riflettono punti di vista e interessi differenti, spesso poco informati delle dinamiche in Niger. Il Forum intende dunque contribuire alla definizione di raccomandazioni e di un piano d’azione con l’obiettivo di facilitare un’effettiva riappropriazione delle narrative.

I lavori di gruppo che si sono succeduti nel corso dei due giorni hanno permesso di delineare delle importanti osservazioni e raccomandazioni, organizzate su tre assi:

  1. La necessità di rafforzare le capacità degli attori nel settore, a livello della formazione, della logistica e delle risorse umane, per mettere una stabilizzazione della professione del giornalista;
  2. L’importanza di facilitare l’accesso all’informazione – una delle maggiori sfide evocate dai partecipanti – e di lottare contro il fenomeno della disinformazione;
  3. Le misure intese a favorire una diversificazione delle narrative sulla migrazione.

 

Secondo il Communication Officer AICS, Pierpaolo Crivellaro, il sostegno della Cooperazione italiana al settore s’inscrive nell’asse della creazione di impiego e di percorsi professionali, principalmente per i giovani e le donne. La lotta alla migrazione irregolare è possibile solamente attraverso un’effettiva creazione di opportunità economiche nei paesi di partenza e di transito dei flussi migratori, per permettere agli individui e alle famiglie vulnerabili di prendere una decisione non obbligata.

Allo stesso modo, i media, la cultura e l’arte offrono una piattaforma potente per presentare opinioni e storie diverse e permettere ad ogni persona di ben ponderare la propria scelta. È dunque cruciale che la narrazione della migrazione sia multiforme e sfaccettata, che includa tutti i suoi aspetti, le difficoltà, i drammi, la lettura securitaria, ma al contempo la natura storica del fenomeno migratorio nell’identità nigerina, le storie di successo, le esperienze della diaspora e dei migranti di ritorno. La pluralità di storie e narrative gioca un ruolo chiave nel superamento di una lettura monolitica e prevenuta della tematica. Tale pluralità deve includere, in primis, la lettura di genere, spesso invisibile nelle storie di migrazione.

Alla conclusione del Forum, il Coordinatore di Progetto dell’UNESCO Joshua Massarenti ed il Presidente della Commissione Nazionale Nigerina per l’UNESCO e l’ISESCO Ibrahim Natatou si sono detti soddisfatti dell’andamento del Forum, che ha permesso di formulare ed incorporare le diverse raccomandazioni in una lista che sarà sottoposta alla Conferenza regionale sui media e sulla migrazione in Africa Occidentale e Centrale, che si terrà a Niamey a settembre 2022.


Reportage ORTN  | Articolo Agence Nigérienne de Presse |  Articolo Agence Nigérienne de Presse | Articolo Le SahelTV 5 Monde

 

 

 

Missione AICS in Niger – Niamey e Agadez

 

Dopo un soggiorno di tre giorni a Ouagadougou, la delegazione composta dal Direttore Generale dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS), Luca Maestripieri, dal Capo della Sezione Africa del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI) Marco Rusconi, dal Direttore Regionale di AICS Ouagadougou Domenico Bruzzone e da vari membri di AICS si è recata in missione in Niger, nell’ambito di un’iniziativa congiunta AICS-MAECI finalizzata alla presa di conoscenza del contesto di intervento e dell’azione dei programmi sostenuti dalla Cooperazione italiana nel Sahel. Si tratta della prima missione del Direttore Maestripieri in Niger.

 

Dopo una calorosa accoglienza da parte dell’Ambasciatrice d’Italia in Niger Emilia Gatto, la delegazione ha dato il via alla missione con una serie di incontri di carattere istituzionale e politico che si sono rivelati un’occasione preziosa per discutere il futuro del partenariato italo-nigerino e per analizzare, attraverso una lettura tecnico-politica, l’architettura degli aiuti allo sviluppo destinati dal sistema Italiana alla regione, con l’obiettivo di migliorare l’impatto sulla vita dei beneficiari delle azioni di cooperazione.

In considerazione dell’importanza della missione, il Direttore Maestripieri è stato ricevuto dal Capo di Stato nigerino, il Presidente Mohamed Bazoum, così come dal Primo Ministro Mahamadou Ouhoumoudou. Nel corso di questi incontri, la delegazione ha avuto modo di riaffermare l’impegno della Cooperazione italiana al fianco delle autorità nigerine per perseguire gli obiettivi comuni di sviluppo sostenibile e di assistenza umanitaria alle popolazioni colpite dalle crisi regionali. Il Direttore Maestripieri ha colto l’occasione dell’udienza con il Presidente Bazoum per annunciare l’apertura a breve di una sede autonoma dell’Agenzia a Niamey, con l’obiettivo di rafforzare il sostegno italiano alla regione. Attualmente, le attività di cooperazione di AICS in Niger sono gestite dalla sede regionale di Ouagadougou. Le autorità nigerine hanno espresso pieno apprezzamento per l’accresciuta presenza della Cooperazione italiana nel Paese.

La delegazione ha inoltre impegnato le controparti nigerine in una serie di incontri sui settori prioritari di intervento della Cooperazione italiana, che hanno coinvolto il Ministro dell’Agricoltura Dr Alambedji Abba Issa, il Ministro dell’Educazione Nazionale Pr Ibrahim Natatou, il Ministro della Sanità Pubblica, della Popolazione e degli Affari Sociali Dr Illiassou Idi Mainassara, il Ministro delle Risorse Idriche e della Sanificazione Mahaman Adamou e la Segretaria Generale del Ministero dell’Azione Umanitaria, Djibrilou Bintou Mary. Attraverso un dialogo ricco ed articolato, gli interlocutori hanno contribuito alla definizione di prospettive comuni concernenti il ruolo degli aiuti italiani nel quadro del Piano di Sviluppo Economico e Sociale (PDES) del Niger.

 

Nel corso della visita in Niger, una giornata intera è stata dedicata ad una missione sul terreno ad Agadez, accompagnati da un nutrito contingente di AICS Ouagadougou e dai rappresentanti dei principali partner internazionali di AICS attivi nella regione di Agadez: la Delegazione dell’Unione Europa (DUE) in Niger, l’Organizzazione Internazionale della Migrazione (OIM), l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) e le organizzazioni della società civile (OSC) italiana che lavorano con AICS.

La missione ad Agadez ha costituito uno dei momenti chiave della missione del Direttore Maestripieri in Niger ed in Burkina Faso, consentendogli di osservare con i propri occhi le dinamiche che contraddistinguono questo contesto difficile, antichissimo crocevia delle rotte commerciali divenuto ora punto di incontro per i migranti da tutta la regione, diretti verso le sponde del Mediterraneo. È in questo contesto che AICS sostiene ed implementa diverse iniziative, in concerto con le autorità locali e nazionali e con i partner internazionali, finalizzate alla creazione di opportunità e alternative alla migrazione irregolare. Grazie alla missione ad Agadez, la delegazione ha potuto verificare lo stato di avanzamento dei programmi e interagire con i beneficiari di progetto, che hanno condiviso storie, drammi e speranze.

La missione è cominciata con un incontro con il Governatore della Regione, il Sindaco di Agadez e il Sultano dell’Aïr, che hanno dato il benvenuto al folto gruppo in visita. La visita ha poi toccato i siti di intervento dei progetti implementati dalle OSC italiane nell’ambito del programma DESERT, in particolare il cantiere di costruzione di 500 case sociali realizzate da CISP e una “ferme école” creata da COOPI che contribuisce alla formazione di 3000 giovani a pratiche agricole adattate alle zone aride. Sostenuto da un budget di 13.790.000 € di finanziamenti europei, il programma DESERT costituisce una delle maggiori testimonianze dell’impegno di AICS nel settore agrosilvopastorale, nell’imprenditoria e nella pianificazione urbana nella regione.

La visita è poi proseguita alla sede dell’incubatore CIPMEN e della piattaforma di e-commerce Agad’art, iniziative locali sostenute da AICS che giocano un ruolo prominente nella creazione di posti di lavoro e nella promozione dell’imprenditoria. Ugualmente importante è stata l’ultima sezione della missione, dedicata agli interventi di gestione dei flussi migratori, in particolare il centro di transito di migranti di OIM ed il campo di accoglienza per rifugiati di UNHCR. Gli incontri con i migranti, reduci da viaggi spesso disperati, così come con il personale che si impegna ogni giorno a fornire assistenza umanitaria in un contesto estremamente complicato, hanno permesso di comprendere l’importante ruolo degli aiuti italiani nella gestione delle crisi regionali e dei flussi migratori in Niger.

Il panorama degli aiuti umanitari è stato al centro degli ultimi incontri a Niamey, che hanno coinvolto la Coordinatrice Umanitaria delle Nazione Unite in Niger, Louise Aubin, e i rappresentanti paese del Programma Alimentare Mondiale (PAM).

Al termine della missione, il Direttore Maestripieri si è detto soddisfatto della visita, reiterando “l’impegno pieno della Cooperazione italiana a lavorare al lato delle autorità nigerine, dei partner tecnici e finanziari e degli attori della società civile per definire un’azione concertata e comprensiva che possa costituire una risposta efficace al peso crescente delle sfide a cui la popolazione nigerina è sottoposta, contribuendo al contempo a porre le basi per lo sviluppo sostenibile della regione”.

 

 

Visita del Direttore Generale Maestripieri in Burkina Faso

 

Nel quadro dell’impegno crescente della Cooperazione italiana nel Sahel, il Direttore Generale dell’Agenzia italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS), Luca Maestripieri, si è recato per la sua prima missione in Burkina Faso ed in Niger, tra il 12 ed il 18 maggio 2022, accompagnata da una nutrita delegazione dell’AICS e del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI). Il soggiorno nella capitale burkinabé – organizzato dalla Sede AICS di Ouagadougou e dal Direttore regionale Domenico Bruzzone in coordinamento con l’Ambasciatore d’Italia S.E. Andrea Romussi – è durato 3 giorni, dal 12 al 15 maggio.

La missione in Burkina Faso ha compreso una serie di incontri bilaterali e multilaterali atti a presentare l’azione dell’Agenzia e dei partner principali, il contesto di intervento e le prospettive di cooperazione in uno scenario – quello del Sahel – in continua evoluzione e ricco di sfide.

Nella mattinata del 13 maggio, la delegazione in visita è stato ricevuta dal Ministro dell’Economia, delle Finanze e della Prospettiva (MEFP), S.E. Seglaro Abel Somé, per un dialogo sulle prospettive di cooperazione tra Italia e Burkina Faso. La delegazione ha poi partecipato ad una sessione tecnica di lavoro alla Direzione Generale della Cooperazione (DGCoop), con l’obiettivo di fare un bilancio delle iniziative attive finanziate da AICS e identificare le opportunità di miglioramento per orientare il sostegno italiano futuro.

Nel pomeriggio, la delegazione ha partecipato al Forum di Alliance Sahel, organizzato presso la Delegazione dell’Unione Europea, che ha radunato i principali partner tecnici e finanziari in Burkina Faso per discutere l’evoluzione del contesto di sicurezza e dei diversi approcci degli attori della cooperazione, nella prospettiva di solidificare la coesione e l’efficacia della azione dei membri.

Infine la delegazione ha partecipato alla consegna ufficiale di attrezzatura medica, dono della Cooperazione Italiana all’Ospedale San Camillo per rafforzare l’unità di lotta contro il Covid-19 e sostenere un centro di rianimazione. La visita ha costituito l’opportunità per presentare l’impegno della Cooperazione italiana a lato dell’Ospedale San Camillo e dell’OMS nel campo della salute, facendo il punto dei risultati raggiunti dalle iniziative in corso e concluse e le prospettive future in vista dei bisogni della popolazione.

Sabato 14 maggio, la delegazione ha incontrato le organizzazioni italiane della società civile (OSC) attive in Burkina Faso grazie anche al sostegno di AICS. L’incontro è stato l’occasione per un dialogo aperto, approfondito e produttivo tra AICS e OSC, evidenziando i risultati raggiunti in ogni settore di intervento e le prospettive future di collaborazione, tenendo conto delle difficoltà legate al contesto securitario; come ha avuto modo di sottolineare il Direttore di AICS, “l’azione delle OSC rappresenta una delle principali manifestazioni della Cooperazione italiana, ed è in questo senso che vogliamo avviare un percorso di maggiore apertura per facilitare il dialogo con tutti i partner”.

Nel pomeriggio di sabato, si è tenuto un incontro con i principali attori nel campo dell’agroecologia per presentare i progressi e le prospettive del progetto di cooperazione delegata SUSTLIVES, finanziato dall’Unione Europea e implementato da AICS insieme ad una solida rete di partner del mondo accademico e della società civile. L’incontro si è svolto all’Università Ki-Zerbo di Ouagadougou, centro d’eccellenza accademico nella regione e partner di progetto dell’Agenzia.

La missione in Burkina Faso si è conclusa domenica 15 maggio, con un incontro con i rappresentanti del Programma Alimentare Mondiale (PAM) volto a esplorare in dettaglio il deterioramento del contesto di insicurezza e il panorama degli aiuti umanitari, in cui AICS gioca un ruolo sempre più importante. Il PAM rappresenta di fatto il più importante partner esecutore di AICS nel settore umanitario in Burkina Faso. All’incontro ha fatto seguito una presentazione sull’azione di AICS in Ghana, nuovo paese di competenza per la Sede estera, e sulle floride prospettive di cooperazione.

È giunta così al termine la prima parte della visita del DG Maestripieri, per proseguire dunque alla volta del Niger.

 


 

Articoli:

15/05/2022 – LeFaso.net – La coopération italienne offre des équipements sanitaires à l’hôpital Saint-Camille de Ouagadougou

16/05/2022 – RTB – Appui de l’AICS à l’Hôpital Saint Camille de Ouagadougou

21/05/2022 – Burkina Soir – L’agence italienne pour la coopération offre du matériel médical à l’hôpital Saint Camille de Ouagadougou