Bridging the Gap: Corso di formazione “Formulazione e gestione progetti”

Dal 10 al 15 dicembre 2018, il progetto Bridging the Gap II, finanziato dall'Unione Europea, coordinato da FIIAPP - Cooperazione spagnola - e attuato in Burkina Faso dall'Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS), sta organizzando un corso di formazione di cinque giorni a Ouagadougou - Burkina Faso - per rafforzare la capacità di trenta (30) professionisti provenienti dalle federazioni nazionali e dalle associazioni per le persone con disabilità locali (OPH). Investire in organizzazioni di disabili è uno degli obiettivi principali del progetto Bridging the Gap II, un progetto finanziato dall'Unione Europea per le politiche ei servizi inclusivi che promuovono la parità di diritti per le persone disabili. Il progetto mira infatti a contribuire all'inclusione socio-economica, all'uguaglianza e alla non discriminazione delle persone con disabilità nei paesi a basso e medio reddito attraverso istituzioni e politiche più inclusive e responsabili.  La formazione mira a rafforzare la capacità delle federazioni e delle organizzazioni nazionali nella formulazione e gestione dei progetti. Le OPH sono in prima linea nel movimento per l'inclusione delle persone con disabilità e nel processo di sviluppo, svolgendo un ruolo importante nell'informare e rappresentare i propri membri. Disporre di competenze in ambito di formulazione e la gestione dei progetti è essenziale per raggiungere tali obiettivi. I partecipanti alla formazione provengono dalle federazioni più attive nel Paese quali: la Federazione Burkinabe delle Associazioni per la Promozione dei Disabili (FEBAH), la Rete Nazionale delle Organizzazioni per la Promozione dei Disabili (RéNOH) e la Coalizione Nazionale delle Associazioni Persone con Disabilità (CNAPH); esse portano avanti la voce dei sindacati e delle associazioni nazionali come l'Unione nazionale delle donne con disabilità Associazioni di Burkina (UNAFEHB) e l'Associazione degli Studenti disabili e studenti del Burkina (AEEHB), in modo che diverse centinaia di piccole associazioni che operano principalmente nelle zone rurali dispongano dei mezzi per difendere i diritti delle donne, dei bambini e degli uomini con disabilità, molti dei quali hanno difficoltà ad accedere a salute, istruzione, occupazione e trasporti. La sfida è immensa e si sottolinea come l’accesso limitato all'istruzione rende la maggior parte delle persone con disabilità escluse dalla vita produttiva. Attraverso questa formazione, i partecipanti acquisiranno conoscenze essenziali del ciclo del progetto, saranno in grado di sviluppare una proposta di progetto completa e di svolgere ruoli e responsabilità determinanti nella loro gestione. Svilupperanno indicatori di monitoraggio del progetto e entreranno in contatto con i principi di base della gestione basata sui risultati assicurando che i progetti vengano realizzati in modo da raggiungere gli obiettivi dei donatori.  

 

 

Lancio Progetto “Moins de déchets, plus d’opportunités : l’économie verte au service des MPEs de Ouagadougou”

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Si é svolta oggi, 29 Maggio 2018, la cerimonia di lancio del Progetto “Moins de déchets, plus d’opportunités : l’économie verte au service des MPEs de Ouagadougou”Il progetto avrà una durata di tre anni e sarà coordianto e realizzato dalla Fondazione ACRA grazie al supporto finanziario dall Unione Europea nel quadro del Programma Switch Africa Green, e del sostegno di FIAB (Fédération Nationale des Industries de l’Agro-alimentaire et de Transformation du Burkina Faso), del Comune di Ouagadougou, di AMAT (Agence de Mobilité Locale et Territoriale), del Comune di Milano e Torino e dell’ Università di Trento.

La cerimonia si é svolta presso il Centre d’enfouissement de Ouagadougou, uno spazio di trasformazione e valorizzazione rifiuti creato  e reso operativo dall’ONG italiana LVIA già nel 2004-2005 e a cui la Cooperazione italiana ha contribuito successivamente con azioni di rafforzamento delle competenze tecniche e operative del Centro e delle associazioni di donne attive nell’ambito del recupero rifiuti.

Il progetto “Moins de déchets, plus d’opportunités : l’économie verte au service des MPEs de Ouagadougou” si impegna a promuovere tra le piccole medie imprese urbane e le istituzioni politiche del Paese l’uso di pratiche di Consumazione e Produzione Sostenibile nella filiera integratra dei rifiuti.

L’obiettivo è quello appunto di promuovere l’imprenditoria verde in Burkina Faso e lo sviluppo di forme di gestione sistenibile dei rifiuti.

Alll’incontro ha partecipato anche l’ambasciatore dell Unione Europea, Jean Lamy, il quale ha apprezzato l’impegno da parte del Governo Burnibé nel sostegno allo sviluppo di un economia verde e messo in evidenza l’importanza del tema della tutela dell’ambiente. Diventa sempre piu necessario trovare sistemi innovativi e creatori d’impiego all’interno della filiera di trasformazione dei rifiuti.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_single_image image=”2449″][/vc_column][/vc_row]

Atelier di due giorni a Niamey su “La professionnalisation des filières de formation, défis et perspectives à partir de l’exemple d’AGRINOVIA

Il 19 e 20 Marzo 2018, presso l’Università Abdou Moumouni di Niamey in Niger, si è svolto un Atelier promosso dall’Università degli Studi Roma Tre nell’ambito del progetto Agrinovia dal titolo “Professionalizzazione dei corsi di formazione, sfide e prospettive per il futuro a partire dall’esempio di Agrinovia”.

Agrinovia è un programma di alta formazione universitaria e professionale sostenuto dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, il cui obiettivo è costruire nuove competenze a sostegno dell’innovazione rurale in diversi paesi dell’area Saheliana, formando agenti di sviluppo capaci di identificare, co-validare e diffondere le innovazioni contadine. Coordinato dall’Università di Ouagadougou, il programma Agrinovia si basa sulla collaborazione didattica tra partner africani ed europei (Università, centri di ricerca, ONG) e su un forte legame con le realtà professionali che operano, sul campo, nell’ambito dello sviluppo rurale. Oltre all’organizzazione di un Master e di corsi di formazione breve, il progetto prevede anche attività di messa in rete delle università partner attraverso l’organizzazione di seminari ed incontri, come quello da poco tenutosi a Niamey.

 

L’atelier è stato l’occasione per creare uno spazio di condivisione e di scambio con i partner nigerini di Agrinovia, che si sono confrontati sulle difficoltà del sistema universitario del paese ed in particolare sulla necessità di un legame tra proposte di formazione e mercato del lavoro) e sulle opportunità che iniziative internazionali e pluridisciplinari come Agrinovia possono rappresentare per gli studenti. Nei due giorni di lavori, è stata presentata al mondo accademico nigerino la metodologia Agrinovia, così come sono state condivise esperienze di formazione di successo presso l’Università Abdou Moumouni di Niamey, analizzando i punti di forza e di debolezza di queste proposte formative, in un’ottica di revisione e aggiornamento delle stesse. Ampio spazio è stato anche dedicato agli ex studenti nigerini di Agrinovia, che hanno condiviso il loro percorso professionale post-formazione, raccontando i vantaggi relativi a questo percorso di studi e proponendo nuove idee per migliorarlo.

 

Per maggiori informazioni sul progetto, vi invitiamo a consultare la pagina del sito AICS di Ouagadougou e il sito web Agrinovia.

 

Finisce la Terza Campagna Di CinemArena_sensibilizzazione sui temi legati ai rischi e pericoli della migrazione irregolare.

La campagna di sensibilizzazione CinemArena è giunta alla conclusione della sua terza fase. L’iniziativa continua a giocare un ruolo chiave nella sensibilizzazione delle popolazioni sui temi legati ai rischi e pericoli della migrazione irregolare e le sue possibili alternative.

La campagna si è svolta nei villaggi rurali della Région du Centre-Est, la regione burkinabé che registra il più alto tasso di migrazione irregolare, raggiungendo un pubblico di oltre 10.000 persone tra cui un numero elevato di giovani, ovvero il gruppo più propenso alla migrazione come ricerca di migliori condizioni economiche.

Attraverso il teatro partecipativo e momenti collettivi di riflessione, nonché alla proiezione di video tematici e relativi dibattiti, il team del progetto ha esposto i rischi legati alla migrazione irregolare cosi’ come le possibili alternative economiche. Tra queste l’iniziativa multibilaterale finanziata dalla Cooperazione Italiana e gestita dall’OIM, il quale ha svolto un ruolo complementare nella realizzazione della campagna di sensibilizzazione.

L’iniziativa  è stata infatti l’occasione per presentare il Progetto “Rafforzamento dell’occupazione e dell’imprenditoria giovanile per ridurre i rischi di emigrazione irregolare nella regione del Centro – Est: Burkina Faso (JEM – Centre Est)”, destinato ai giovani tra i 18 ed i 35 anni, il cui obbiettivo e quello di formare i beneficiari ed accompagnarli nella creazione di imprese nei settori portanti dell’economia locale.

In attesa della nuova campagna del progetto CinemArena, siamo lieti di ringraziare tutti coloro che hanno contribuito a rendere questa edizione un tale successo.

Per più informazioni guarda la nostra pagina progetto CinemArena

 

 

 

Bridging the Gap/Combler l’Ecart_Seconda sessione del corso di formazione online”Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) e i loro riferimenti all’inclusione delle persone con disabilità”

Venerdì, 27 aprile 2018 alle 12.30-14.00 UTC si terrà la seconda sessione del corso di formazione online sulla disabilità e lo sviluppo, organizzato dal progetto europeo Bridging the Gap / Combler l’Ecart, si concentrerà su “Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) e i loro riferimenti all’inclusione delle persone con disabilità“.
 
Non perdere questa occasione, registrati qui: https://goo.gl/YzYXaY!
 Questo modulo introdurrà gli SDGs, il loro rapporto con la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità (CRPD) e come sviluppare una strategia SDG in linea con la CRPD, ed esplorerà i diversi gateway di cui le persone con disabilità a partecipare e influenzare l’attuazione, il monitoraggio e la valutazione delle politiche orientate agli SDG. Questo approccio è assolutamente necessario per raggiungere gli obiettivi dell’Agenda 2030, per avvicinarsi ai soggetti più emarginati e, infine, per colmare il divario nello sviluppo.
 
Coloro che partecipano almeno al 75% delle sessioni di formazione e completano il questionario di valutazione riceveranno un attestato di partecipazione. Il questionario verrà inviato via email a tutti i partecipanti dopo la sessione. Il 75% del ciclo di formazione è pari a 9 su 12 sessioni.
 
???? Registrazione
Per partecipare alla formazione, è necessario compilare e inviare questo modulo: https://goo.gl/YzYXaY

Presentazione Domande Terminata. Burkina Faso / Avviso di selezione Esperto Agronomo

Titolo del progetto

Rafforzamento della Resilienza delle Popolazioni per fronteggiare l’Insicurezza Alimentare nella Regione del Centro-Nord e Sahel – AID 11005

 

Località

Burkina Faso

 

Durata incarico:

Missione di max. 4 mesi

 

Data prevista di entrata in servizio:

Maggio 2018

 

Termine per la presentazione delle domande: almeno 15 giorni dalla data della pubblicazione